A tavola con la qualità

Se c’è una cosa che l’avvicendarsi delle generazioni, da queste parti, non ha scalfito, questa è sicuramente la cultura della buona tavola. È così diffusa la cultura della convivialità e delle specialità tradizionali che verrebbe da immaginare una piccola osteria domestica dietro ad ogni porta. E probabilmente non si sbaglierebbe di molto. Lo hanno detto tutti, ormai: testate nazionali e internazionali, chef, visitatori di tutti i tipi: la cultura culinaria in Emilia raggiunge livelli di eccellenza planetaria. Ma da cosa può nascere questa cultura, se non dai prodotti che la natura e l’ingegno di una intera civiltà hanno tramandato nei secoli? Un’eredità della quale si perdono le tracce nella notte dei tempi, ma che ogni produttore, ogni rezdôra non hanno mai rinunciato a perfezionare, regalandoci oggi eccellenze rinomate e desiderate ad ogni angolo del pianeta. Ma che solo qui hanno quel sapore particolare. Vi proponiamo un breve elenco – chiaramente non esaustivo – delle principali specialità che potrete assaggiare durante un viaggio o una sosta. Dall’aceto balsamico al prosciutto tradizionale, dal parmigiano reggiano ai lambruschi, dalle tigelle al gnocco fritto, fino a preziose specialità meno famose forse, ma meritevoli di essere scoperte. Servono tutta la fantasia delle mani e la dedizione al buon vivere della nostra gente per imbandire una tavola così ricca di allegria e gusto. Un’esperienza che puoi cogliere appieno solo qui, nelle Terre di Castelli.

ciliegie di Vignola

Ciliegia di Vignola IGP

Un piccolo prodigio di sapori e sensazioni. Polpa tenera e molto succosa, dolce e aromatica, con note acidule. In una piccola circonferenza di colore rosso cupo si concentra un mondo di gusto e di emozioni. Un attimo da gustare appieno, nel sapore, nel colore e nella consistenza: un frutto che è il capolavoro di questo territorio: la ciliegia

Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Dop

Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP

Quanta meraviglia può stare sulla punta di un cucchiaio? Hai mai pensato che una sola goccia potesse contenere secoli di storia? L’aceto balsamico è l’oro nero della tavola, un’esperienza fuori dal tempo che ti farà vivere tutte queste sensazioni. Nasce in questo territorio, e conquista tutti con il sapore forte e la personalità inimitabile.

Lambrusco di Modena

Lambrusco di Modena

Il lambrusco più che un vino una visione della vita. Un rosso frizzante apprezzato nel mondo, un vino dall’energia incontenibile e dal sapore inconfondibile, che accompagna da sempre la generosa cucina di questo territorio. La sua spuma rossastra riflette l’effervescenza di una terra e dei suoi abitanti più di mille parole.

Parmiggiano Reggiano Dop

Parmigiano Reggiano DOP

Nonostante i molti tentativi di imitarlo, il Parmigiano Reggiano originale rimane un principe tra i formaggi. Pasta dura da gustare a scaglie o per dare quel tocco di sapore impareggiabile alle ricette. Dono della generosa pianura emiliana e dei suoi caseifici, il tempo e l’opera dell’uomo ne fanno un prodotto senza paragoni.

 
images Linkedin

Tigelle e gnocco fritto

Due prodotti che spesso si consumano assieme e sono la dimostrazione di come con poco si possa fare molto, specie in cucina. Le tigelle e gnocco fritto sono la specialità tipica delle zone appenniniche, morbidi dischi di pasta che si gonfiano nella cottura da servire con salumi e formaggi, così come il gnocco fritto; una sottile striscia che con un passaggio nell’olio acquista corpo e fragranza.

Borlenghi

Borlengo

Come può una cosa così sottile racchiudere tanto gusto è una delle magie di questo territorio. Acqua, farina, una sottile spennellata di parmigiano e lardo. Il risultato è un friabile e sorprendente borlengo che restituisce lo spirito della civiltà contadina dove la ricetta è nata. Una specialità semplice ed esclusiva, che puoi assaggiare solo qui.

Tortellini

Tortellini

Nonostante il successo di diverse varianti asciutte, il suo destino è di essere servito in brodo. Il tortellino è la piccola pasta ripiena lavorata sapientemente a mano fino a ottenere la forma che gli vale il soprannome di “ombelico di Venere”. Il ripieno è a base di ricotta e la sua ricetta ha mille diverse varianti, ma per tutti l’arrivo di questo piatto in tavolo è sinonimo di festa.

Zamponi e Cotechini

Zampone e Cotechino di Modena IGP

Alle prime avvisaglie dell’autunno i piatti si colorano di rosso acceso. Lo zampone e il cotechino fanno la loro comparsa per celebrare il legame di questo territorio con l’arte della lavorazione delle carni suine, con il loro sapore forte e la morbida consistenza. Due specialità che premiano la laboriosità di questo territorio gratificandone la passione per il gusto.

 
Torta Barozzi

Torta Barozzi

Caffè, cioccolato, mandorle e… chissà! La ricetta originale della Torta Barozzi è uno dei segreti meglio custoditi di questo territorio, ma provare a indovinarla, un assaggio dopo l’altro, non è una cattiva idea! Dalla consistenza morbida e dall’aroma inconfondibile, è il dolce per le occasioni speciali che non potete non gustare se capitate a Vignola e dintorni.

amaretti-di-Spilamberto

Amaretti

Per chiudere un pasto con una nota non scontata, invece del solito dessert chiedete l’amaretto di Modena. Secco e friabile in superficie, grazie all’impasto di mandorle è morbido e profumato all’interno. Di dimensioni più grandi rispetto alle versioni di altre regioni, è un dolce sfizioso che si accompagna alla perfezione con un caffè o un amaro.

castagne del frignano

Marrone del Frignano

Il sottobosco d’autunno regala questo frutto dolce e profumato: il marrone del frignano è più grande delle comuni castagne, tipico delle zone appenniniche del modenese. Un prodotto da consumare da solo o da utilizzare in un numero insospettabile di ricette, dai primi (come ripieno o condimento) ai secondi (per accompagnare gli arrosti) ai dolci (come il celebre castagnaccio), o per ottenere una confettura inimitabile.

prosciutto di Modena

Prosciutto di Modena Dop

Affonda le radici nell’usanza antica di conservare le carni sotto sale, e arriva ancora oggi sulle nostre tavole con il suo sapore ricco e il profumo dolce. Ogni sottile fetta è il racconto della sapienza artigiana e dell’arte di stare bene a tavola. Da solo o come ingrediente, il Prosciutto di Modena è un vero inno alla qualità.